La moda cinese alla MFW
Testo
Lunedì, 25 Settembre, 2017
Tutte le novità da Shenzhen
Il distretto cinese si prepara a inaugurare un Hub per favorire il contatto fra mercati e promuovere i giovani designer internazionali

Fervida, avanzata e in continua evoluzione: l’area di Shenzhenil più importante distretto industriale cinese quando si parla di moda – è stata fra le protagoniste della Milano Fashion Week attraverso le creazioni Ellassay, in mostra oggi a Palazzo Clerici a Milano. 

 

Il cuore pulsante del fashion cinese vive in questo momento una fase ricca di novità e ambizioni, nell’ottica di evolversi da distretto manifatturiero a vero e proprio hub creativo.

Frutto di tali ambizioni sono realtà come la Fashion Valley di Shenzhen, progetto da 3 miliardi euro interamente finanziato dalla municipalità che ospiterà fabbriche, sedi di istituzioni e centri di formazione.

 

E proprio sulla formazione si baserà lo Shenzhen Satellite, Hub polifunzionale che sarà inaugurato a ottobre con l’obiettivo di valorizzare designer emergenti e giovani promesse del mondo della moda: il progetto coinvolge anche personalità delMade in Italy, che puntano a rendere più accessibile alle nostre PMI un mercato vibrante, evoluto ma particolarmente complesso come quello cinese.

 

Intento condiviso e portato avanti da tempo anche daDHL, che crede nelle potenzialità dei giovani talenti e decide di puntare su di loro: solo qualche giorno fa, in occasione delFashion Hub Market all’Unicredit Pavillion, l’azienda ha conferito ilYoung Designer DHL Award a Bams, azienda nata dall’estro di quattro giovani designer napoletani uniti dalla passione per moda e artigianato.

 

Grazie a DHL, Bams avrà la possibilità di affacciarsi su nuovi mercati, contando sul supporto logistico e l’expertise dell’azienda più internazionale al mondo: obiettivo già perseguito con successo da Francesca Liberatore, vincitrice della prima edizione di DHL Exported e designer ormai apprezzata a livello internazionale.

 

Il passo verso l’internazionalizzazione è lungo e per nulla scontato, soprattutto se si decide di puntare a mercati stimolanti e complicati come quello cinese: per questo serve il partner giusto, proprio come DHL. Pioniera del mercato fin dal 1980, l’azienda - in collaborazione con Sinotrans, l’operatore logistico locale – garantisce la copertura più diffusa sul Paese, arrivando a soddisfare le esigenze del 95% della popolazione.

 

Non per ultimo, DHL è l’unico corriere espresso certificato come Authorized Economic Operator (AEO) dalla Dogana Cinese, riconoscimento ottenuto nel 2015.

 

Se hai intenzione di aprirti verso questo affascinante mercato, non perderti i consigli dei nostri Certified International Specialist per esportare e importare verso e dalla Cina!

 

Clicca qui!

 
lascia un commento