Pitti bimbo Firenze
Testo
Lunedì, 22 Gennaio, 2018
Pitti bimbo 86: numeri e trend
La moda junior è straniera: il 54% degli espositori arriva dall’estero

Il 20 gennaio si è conclusa a Firenze l’86esima edizione di Pitti Bimbo,  il salone internazionale del childrenswear. In Fortezza da Basso sono state presentate le collezioni per l’inverno 2018-2019 di 578 brand (di cui il 54% provenienti dall’estero).

 

Sviluppato sul tema dei saloni invernali “Pitti Live Movie” (dedicato al cinema) Pitti Bimbo ha visto in questa edizione il debutto di diversi brand, presenti per la prima volta in fiera, tra cui Colmar Originals, Bandits London, K-Way, Roberto Ricci Designs, DUO Boys and Mini Me Girls e Sophia Webster.

 

Quest’anno, i dati del salone hanno rilevato un trend positivo per quanto riguarda le presenze dei buyer, cresciuti del 2% rispetto a un anno fa, con i compratori esteri in aumento dell’1% circa e il fronte del mercato italiano in crescita a +2,5%. Nel complesso si sono registrati oltre 6.800 compratori e circa 10.000 visitatori complessivi.

 

In particolare, tra i mercati esteri, troviamo grande soddisfazione per i risultati dei compratori dalla Russia (+5%), primo mercato del salone, il cui ritorno risulta decisivo per il comparto moda bimbo; tra le performance migliori quelle di Spagna (+10%), Regno Unito (+5%), Germania (+4% in termini di negozi presenti), Ucraina (+18%), Grecia, Portogallo e Irlanda; incremento consistente per gli americani (oltre il 30% in più).

 

Oltre alle consuete sezioni della manifestazione (tra cui Apartment, Ecoethic, Sport Generation, SuperStreet, KidFizz, Fancy Room e The Nest) ha debuttato il nuovo progetto #ActiveLab, che connette l’universo sport con lo street, e il nuovo programma sulle licenze del childrenswear, realizzato in collaborazione con Bologna Licensing Trade Fair e Bologna Children’s Book Fair, che presenta agli espositori circa 24 licenze per le loro collezioni future: da Barbie a Betty Poo, da Geronimo Stilton a Pink Panther. 

 

L’attenzione di DHL per l’universo della moda e del lusso non si ferma mai.

 

ll Gruppo, infatti, mette a disposizione degli operatori nazionali e internazionali le soluzioni “griffate” DHL for Fashion, finalizzate allo sviluppo e al miglioramento delle operazioni di marketing e distribuzione, proponendo, ad esempio, un packaging raffinato ed elegante per conservare capi e tessuti in condizioni sempre perfette.

Scopri di più sui servizi appositamente concepiti per il settore moda. Clicca qui!

 
lascia un commento