Go green: il progetto DHL in Turchia
Testo
Mercoledì, 26 Settembre, 2018
Un sistema che trasforma i gas in energia elettrica per abbattere le emissioni

La logistica ha un ruolo centrale nell’economia globale e può dare un notevole contributo a livello ambientale. Ridurre le emissioni di CO₂ a zero entro il 2050 non è l’unico ambizioso obiettivo che DHL si pone di raggiungere.

 

GoGreen è il programma che rende concreto l’impegno di DHL per ridurre al minimo l’impatto delle proprie attività sull’ambiente e contribuire alla tutela dell’ecosistema, garantendo migliori condizioni alle generazioni future.

 

Attraverso il progetto Climate Neutral, infatti, i clienti DHL possono finanziare iniziative a favore dell’ambiente grazie all’acquisto di carbon credits.

 

In qualità di pioniere nella logistica ecologica, l’azienda si occupa, così, di aiutare anche le popolazioni in difficoltà, con l’idea che sia necessario pensare in grande, con un approccio condiviso e lungimirante.

 

In Turchia, la discarica di Mamak, nei pressi di Ankara, produce ogni giorno 3.500 tonnellate di rifiuti di cui il 60% sono organici. Il processo di smaltimento crea altissimi livelli di CO2 e metano. Per ovviare al problema è stato introdotto un sistema interno alla discarica che trasforma i gas in energia elettrica.

 

Oltre a ridurre le emissioni da combustibili fossili, il progetto ha un positivo impatto sul benessere economico e sociale della regione. La comunità locale ha, infatti, partecipato attivamente alla realizzazione del progetto e ha potuto così beneficiare dell’utilizzo di nuove tecnologie e della creazione di opportunità lavorative.

 

La qualità dell'aria locale è migliorata in modo significativo e il calore residuo dei motori a gas viene utilizzato per il riscaldamento delle serre. Nel 2009, inoltre, il progetto ha vinto il "World Bank Award for Best Environmental Project".

 

L’attuazione del progetto non sarebbe stata possibile senza i proventi derivati dall’acquisto di carbon credits da parte dei clienti DHL: realizzare un futuro più sostenibile è possibile, ma è necessario il contributo di tutti per vincere sfide sempre nuove.