Torino ospita l’eCommerce Day
Testo
Mercoledì, 10 Giugno, 2015
eCommerce Day, i protagonisti del web a confronto
Ieri a Torino si è tenuta la VI edizione dell’eCommerce Day, l’evento nazionale dedicato al mondo dello commercio telematico.

Imprenditori e professionisti del settore si sono incontrati ieri al Mirafiori Motor Village di Torino dove si è tenuta la VI edizione dell’eCommerce Day.

 

Grande il successo delle cinque edizioni precedenti, ospitate in quattro città italiane (oltre la già citata Torino, anche Genova, Bari e Villarbasse), dove sono stati registrati numeri interessanti: 1300 partecipanti live e 12500 in streaming, più 67 relatori e oltre 33 imprese coinvolte.

 

Durante questa edizione, oltre ai vari aggiornamenti e le informazioni in merito alle attività principali del settore, è stato dato un ruolo centrale anche al tema della multicanalità e le strategie di relazione con gli utenti.

 

Secondo gli ultimi dati, nel nostro Paese, il valore dell’eCommerce è cresciuto dell’8%: merito anche del mobile (+20,4%) che nell’ultimo anno ha raggiunto quota 24,2 miliardi di euro. In questo periodo, oltre 16 milioni di persone ha acquistato sul web di e 11 milioni di questi sono acquirenti abituali.

 

Nonostante i numeri incoraggianti, l’Italia rimane tra i Paesi fanalino di coda rispetto a Stati Uniti, Cina e Gran Bretagna: infatti, solo il 4% delle imprese italiane hanno uno shop online.

 

Intanto, tra i temi più delicati trattati c’è sicuramente la sicurezza: pagamenti e privacy sono al centro delle preoccupazioni degli utenti e oggetto di nuovi studi da parte degli specialisti. La mancanza di fiducia dei consumatori nasce in parte dal comportamento scorretto che i gestori di alcuni siti posso adottare approfittando dell’ingenuità o disinformazione di questi. Sono proprio i siti a impegnarsi di inserire informazioni obbligatorie da dare ai consumatori, così da rassicurarli e creare fidelizzazione.

 

Per la privacy, dal 2 giugno è attiva la “Cookie Law” che permette di potenziare i diritti degli utenti internet e nello stesso tempo proteggere le attività delle aziende che utilizzano i cookies.