Una corsa in cima al mondo con DHL
Testo
Giovedì, 12 Marzo, 2020
Seconda chance per due avventurosi maratoneti

Tom Hennessy e Andrea Bonanomi sono due dipendenti DHL Express che si stanno preparando (per la seconda volta) a correre la più bella maratona ad alta quota al mondo, la North Pole Marathon. Nell'aprile 2019 Hennessy (VP Global Standard Operating Procedure SOP e Service Improvement), e Bonanomi (Regional Program Manager APEC),erano quasi pronti a lanciarsi nell’impresa, mala gara è stata annullata a causa delle tensioni politiche tra Russia e Ucraina.

 

Quella che potrebbe sembrare una sfortuna si è rivelata, però, una benedizione."Io e Andrea viviamo e lavoriamo a Singapore, dove ci sono temperature di circa 30 gradi ogni giorno” dichiara Tom. “Non siamo preparati fisicamente a correre con temperature così diverse. Quindi è stato utile poter sperimentare queste condizioni in prima persona a Longyearbyen, in Norvegia, l'anno scorso". Oltre alle temperature, occorre tenere conto delle condizioni del terreno estremamente difficoltose, e della presenza di orsi polari che si svegliano affamati dopo il letargo, per cui lungo il percorso è previsto il supporto dei ranger armati per garantire la sicurezza dei corridori. Quest’anno la gara conta 55 iscritti. Tom e Andrea, per prepararsi all’impresa, corrono ogni giorno per circa 15 chilometri, e una volta al mese si ritrovano per un trekking di 30 chilometri.

Cosa li ha convinti ad accettare la sfida? Tom spiega che sono stati incoraggiati dall’esempio del collega Roland Thomas: "L'anno scorso è salito in cima al Monte Everest, sventolando la bandiera dei 50 anni di DHL sulla vetta più alta del mondo. Anche se abbiamo perso l'occasione di festeggiare nel 2019, siamo felici di dare inizio ai prossimi 50 anni di attività nel modo migliore " affermano i due. Con queste premesse si preannuncia un’esperienza davvero emozionante.

 

Una consegna speciale ad alta quota

 

Lo scorso anno, mentre si preparavano all’impresa di correre in cima al mondo, i due sportivi hanno anche messo in atto un’iniziativa solidale, invitando i figli dei loro colleghi a scrivere la propria lista di doni natalizi e offrendosi di consegnare le letterine a Babbo Natale. Al loro ritorno, come testimonianza della missione compiuta, Tom e Andrea hanno restituito ai bambini le lettere affrancate, insieme a una foto di Babbo Natale mentre le riceveva. "I miei figli hanno adorato il fatto di poter vedere le lettere consegnate a Babbo Natale in persona, e sono stati molto contenti di trovare alcuni di questi regali sotto l'albero nel 2019", racconta Shari Marciniak, di DHL Express Australia. "Anche quest’anno i bambini si sono messi all’opera per scrivere la lista e hanno chiesto ai loro amici di fare altrettanto”. Philip Dean di DHL Express a Bruxelles, ha aggiunto: "Mia figlia è stata felicissima di ricevere una foto di Babbo Natale con la sua lettera. L'ha anche portata a scuola per mostrarla alla sua insegnante e ai suoi amici".

 

Per DHL ogni consegna rappresenta un modo per connettere persone e migliorare le loro vite, e ci sono moltissimi modi per trasformare le passioni sportive in piccoli gesti che regalano sorrisi. L’iniziativa è ancora valida, ed è possibile contattate Tom e Andrea prima del 7 aprile, scrivendo una mail a tom.hennessy@dhl.com oppure a andrea.bonanomi@dhl.com.